ECCO COME SARÀ IL RISTORANTE STELLATO DEL FUTURO

di Lorenza Fumelli

Musica a “palla de cannone” (come si dice a Roma), schermi multimediali per visioni esperenziali, ballerini, mimi, circensi, percorsi itineranti: ci viene il dubbio che la somma di queste tendenze possa essere il ristorante di alta cucina del futuro. A voi no?

Da Gaggan a Diverxo, passando per Blind in Portogallo (sul quale pubblicherò presto l’articolo scritto da Gualtiero Spotti) fino al grande Alchemist di Copenhagen, sono tanti i segnali che il futuro dell’alta cucina sarà tutt’altro che un semplice pasto seduti al tavolo di un bel ristorante.

Così io e la Venturato, per inaugurare questa seconda stagione, abbiamo deciso di prendere di petto l’argomento ed affrontarlo nel primo podcast di Foodzilla, che consegnamo a voi senza ulteriori indugi.

Il ritorno del Mostro

La seconda stagione di Foodzilla inizia quindi così, e voglio approfittarne per ringraziarvi tutti tantissimo, per il vostro sostegno e per i vostri ascolti. 

Mi scuso in anticipo se la frequenza di pubblicazione sarà diversa, più lenta di poco e meno regolare, questo perché in parte – con questa stagione – vogliamo seguire anche l’attualità, che come sappiamo non è prevedibile e tanto meno controllabile.

Stay tuned quindi per i nuovi episodi, tra i quali naturalmente continuerete a trovare le immancabili conversazioni affamate. 

BUON ASCOLTO ZILLERS!

Lorenza Fumelli

Condividi con gusto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *